SUL CIRINNA’ SIAMO IN “HOUSE OF CARDS” O NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA POLITICO?

renzi-house-cards-1Tutti sconfitti, tranne uno. Il solito Matteo dice l’articolo di Luciana Grosso su Linkiesta [vedi]
Non dimentichiamo che la maggioranza del PD vuole la legge di Monica ‪#‎Cirinnà‬. 10 senatori democratici non cambiano il quadro politico interno. Le differenze sull’adozione del figlio del partner non con i 10 senatori sono alla luce del sole.
Per il Partito Democratico la legge che riconosce dei diritti alla persona, fino a questo momento negati, non è usata per un “gioco” politico, ma per portare avanti un programma (il ‪#‎PD‬ bersaniano e renziano ha sempre condiviso questo tema)

Da parte di altre forze politiche l’attività legislativa non ha come obiettivo principale risolvere problemi, ma attività polemica destinata a migliorare il gradimento nei sondaggi.
Le comparse della ‪#‎Grillo‬ ‪#‎Casaleggio‬ e figli, infatti, non hanno voluto approvare il “‪#‎Canguro‬” con l’unico intento di dilatare il numero di votazioni e mettere in difficoltà il PD. Dunque, l’intrigo di potere ha degli autori e degli esecutori precisi.
Aggiungo: la maggioranza del PD, forte anche della caparbietà di ‪#‎Renzi‬, ha affrontato le battaglie parlamentari di questi 2 anni senza “paracadute”, affrontando le varie questioni con lo stesso piglio, per proseguire in una stagione di riforme che mancava da decenni. Sono molto soddisfatto che anche su questo tema si è usato lo stesso impegno speso per le altre riforme.
Dunque, non siamo in HOUSE OF CARDS!

SILENZIO (INVENTATO) DI RENZI SULL’OMICIDIO REGENI. ALLORA PER DE MAURO RENZI E’ COMPLICE.

12715530_963700487044134_6513970786850080773_nNonostante che già il 3 febbraio 2016 [http://ilpiccolo.gelocal.it/…/giulio-regeni-torturato-prima…] ‪#‎Renzi‬ abbia espresso le condoglianze alla famiglia Regeni e chiesto al governo egiziano la verità sull’accaduto Giovani De Mauro, figlio di Tullio, si è inventato un “silenzio” del presidente del consiglio e conseguentemente una bella accusa di “complicità” nell’assassinio (L’internazionale numero 18/2).
Il giovane De Mauro, che a differenza di altri italiani non ha avuto la necessità di trovarsi un lavoro all’estero (assunzione a L’Unità come regalo di laurea?), gestisce da tempo un settimanale e si diletta nella scrittura di fondi di apertura in stile pulpito.
Il giovane De Mauro da alcuni mesi si è schierato in posizione anti-PD, seguendo il padre e i suoi vecchi colleghi professori in tutte le polemiche anti-governative.
L’accusa di “complicità” nell’efferato assassinio di Giulio ‪#‎Regeni‬ mi pare però veramente troppo. Accuse inventate che confermano che personaggi come i De Mauro stanno solo promuovendo una campagna di odio contro il ‪#‎PD‬ con l’unico intento di distruggerlo. Questi personaggi, forti dei loro privilegi, non sono certo interessati alle conseguenze della loro azione. Infatti, una possibile vittoria del razzismo alla ‪#‎Salvini‬ o del fascismo new-age dei ‪#‎grillini‬ non cambierebbe certo le loro tranquille esistenze. Bravi!
PS
SAREBBE CONSIGLIABILE SMETTERE DI COMPRARE LA RIVISTA DI FAMIGLIA