Archivi categoria: Europa

ERRORI E REALTA’

Renzi ha sbagliato!
Non per le leggi approvate e neppure con il testo della riforma elettorale, ma con il suo modo di porsi al paese e alla sua pubblica opinione.
Un “dettaglio” comportamentale che è stato esaltato da comici e stampa, diffuso e amplificato dai social.
Auguro a Renzi tutto il bene possibile. Ci ha dato tre anni di progetti e di riforme, sbloccando un paese in profonda crisi.
Gli italiani hanno deciso al 60% che tutto questo è insufficiente, inutile o addirittura dannoso, pertanto deve lasciare il suo posto ad altri.
Il risultato è talmente eclatante che anche il Partito Democratico sarà per forza investito da questa sconfitta. Il 41% è un dato importante, ma è difficile che dal referendum si trasferisca in un voto politico.
Pertanto, secondo me, il Partito Democratico dovrebbe da subito avviare una fase congressuale, tenendo Renzi in panchina ad elaborare l’esperienza di questi tre anni.
Il PD deve prendere atto che il nuovo modo di fare politica in una fase di espansione dei social network, dove la “post-verità” sembra dominare sulla realtà e la razionalità, necessita di sistemi e racconti diversi dalla tradizione del ‘900. TV e stampa sono ormai fagocitati dal modo di raccontare dei social e la riflessione politica ha bisogno di simbologie diverse dal passato.
Consiglio alla sinistra riformista italiana di fare un po’ i conti con se stessa, di ricostruire una cultura condivisa staccandosi da derive idealiste, esistenzialiste, antieuropeiste e nazionaliste. Un po’ di sana valutazione marxista della struttura economica del paese avrebbe consentito di guardare alle riforme di Renzi con più interesse. Siamo sicuri che gli italiani non hanno capito che le regioni perdevano potere di autonomia di spesa? Siamo sicuri che gli italiani sono scandalizzati da un sistema parassitario che distribuisce soldi ai territori senza controllo?
I presidenti emeriti della corte costituzionale hanno asserito durante tutta la campagna elettorale che il sistema vigente semplicemente obbliga i partiti a trovare un accordo tra minoranze per gestire in modo condiviso il paese, perché è colpa dei partiti che non si accordano che le cose funzionano male. Renzi ci proponeva viceversa un sistema dove una maggioranza per 5 anni decide, si assume la responsabilità, e poi si vota. Gli italiani, a parole scandalizzati dagli accordi di corridoio, sono in realtà abituati ad un sistema che cerca sempre l’estenuante compromesso, che non prevede scelte nette, ma una condivisione larga più o meno trasparente.
Il mondo attuale, aperto e velocissimo nei cambiamenti sopporta questo modo di procedere?
Speriamo che le perturbazioni finanziarie e politiche dei prossimi giorni passino presto.
Spero che Renzi aiuti questa difficilissima transizione.

IL SAGGIO DEMENTE. L’UTILITA’ POLITICA DI UN VECCHIO STUDIOSO

Luciano Gallino è un nome illustre della sociologia italiana, ma negli ultimi anni ha dimenticato che la ricerca si basa sulle fonti delle informazioni, sulla loro analisi e comparazione. Una delle prime cose che il ricercatore prende in esame, specialmente quando si tratta di scienze umane (o umanistiche) è “l’autore della fonte”.
Il professore ‪#‎Gallino‬, classe 1927, ha scritto una lunga filippica contro la ‪#UE‬ basandosi sui risultati dei una commissione parlamentare greca che ha stabilito che il debito ‪#‎greco‬ per il modo che è stato finanziato dalle istituzioni europee e mondiali è illegale e dunque non deve essere restituito. I parlamentari ‪#‎greci‬ hanno deciso che l’operazione di rifinanziamento della UE e del ‪#‎FMI‬ che ha tolto dal mercato i 340 miliardi di debito sovrano del loro paese non doveva avere condizioni economiche e politiche. La presenza di queste condizioni rende illegale l’operazione. La possibilità che i creditori si siano accollati titoli praticamente inesigibili e la loro richiesta di garanzie è considerata illegale. I greci vogliono i soldi e farci quello che credono.
Le follie di Gallino L’emerito Gallino, seguace di ‪#‎Vendola‬ e ‪#‎Tsipras‬, prende assolutamente per buona la versione greca dei fatti, senza dubbi su fonte e propositi meramente propagandistici del documento.
Questa divulgazione del pensiero di saggi exprofessori emeriti, che sentenziare e appoggiare posizioni estremiste o irrealistiche, è diventato un tratto del messaggio mediatico di questo paese negli ultimi anni. La linea è banale: essendo Vendola, ‪#‎Civati‬ privi di proposte reali per affrontare i problemi del paese che si affida a vecchi docenti universitari in pensione da molti anni che devono semplicemente distruggere le politiche governative.
Chiaramente il “saggio” Gallino può essere usato secondo il miglior bisogno. Può usatolo La Repubblica e la TV omettendo però i giudizi su euro “moneta straniera” e UE “criminale”, mentre va benissimo per la robaccia complottista propagandata da ‪#‎Salvini‬, ‪#‎Grillo‬ e Vendola in rete.
Siamo condannati, come in altri aspetti della società italiana, ad attendere il naturale cambiamento portato dalla biologia. Che pena!