Archivi tag: sinistra

ERRORI E REALTA’

Renzi ha sbagliato!
Non per le leggi approvate e neppure con il testo della riforma elettorale, ma con il suo modo di porsi al paese e alla sua pubblica opinione.
Un “dettaglio” comportamentale che è stato esaltato da comici e stampa, diffuso e amplificato dai social.
Auguro a Renzi tutto il bene possibile. Ci ha dato tre anni di progetti e di riforme, sbloccando un paese in profonda crisi.
Gli italiani hanno deciso al 60% che tutto questo è insufficiente, inutile o addirittura dannoso, pertanto deve lasciare il suo posto ad altri.
Il risultato è talmente eclatante che anche il Partito Democratico sarà per forza investito da questa sconfitta. Il 41% è un dato importante, ma è difficile che dal referendum si trasferisca in un voto politico.
Pertanto, secondo me, il Partito Democratico dovrebbe da subito avviare una fase congressuale, tenendo Renzi in panchina ad elaborare l’esperienza di questi tre anni.
Il PD deve prendere atto che il nuovo modo di fare politica in una fase di espansione dei social network, dove la “post-verità” sembra dominare sulla realtà e la razionalità, necessita di sistemi e racconti diversi dalla tradizione del ‘900. TV e stampa sono ormai fagocitati dal modo di raccontare dei social e la riflessione politica ha bisogno di simbologie diverse dal passato.
Consiglio alla sinistra riformista italiana di fare un po’ i conti con se stessa, di ricostruire una cultura condivisa staccandosi da derive idealiste, esistenzialiste, antieuropeiste e nazionaliste. Un po’ di sana valutazione marxista della struttura economica del paese avrebbe consentito di guardare alle riforme di Renzi con più interesse. Siamo sicuri che gli italiani non hanno capito che le regioni perdevano potere di autonomia di spesa? Siamo sicuri che gli italiani sono scandalizzati da un sistema parassitario che distribuisce soldi ai territori senza controllo?
I presidenti emeriti della corte costituzionale hanno asserito durante tutta la campagna elettorale che il sistema vigente semplicemente obbliga i partiti a trovare un accordo tra minoranze per gestire in modo condiviso il paese, perché è colpa dei partiti che non si accordano che le cose funzionano male. Renzi ci proponeva viceversa un sistema dove una maggioranza per 5 anni decide, si assume la responsabilità, e poi si vota. Gli italiani, a parole scandalizzati dagli accordi di corridoio, sono in realtà abituati ad un sistema che cerca sempre l’estenuante compromesso, che non prevede scelte nette, ma una condivisione larga più o meno trasparente.
Il mondo attuale, aperto e velocissimo nei cambiamenti sopporta questo modo di procedere?
Speriamo che le perturbazioni finanziarie e politiche dei prossimi giorni passino presto.
Spero che Renzi aiuti questa difficilissima transizione.

LA RICHIESTA DI PAUPERISMO ALLA POLITICA

Il 2 luglio è morto Michel Rocard, un grande vecchio del socialismo francese. Le Monde ha ricordato una sua profetica frase del 2004 sulla crisi della politica: “Oggi ci insultano, ci vogliono poveri e ci sbeffeggiano. Il risultato sarà che alla politica verranno solo i falliti delle altre professioni”.
Purtroppo aveva ragione. Falliti, ma anche senza professione, oppure persone di successo che si improvvisano politici, come se il mestiere di gestire la cosa pubblica fosse il più banale del mondo.
Perché siamo arrivati a questo in Italia e nel resto del mondo? E’ un problema complesso e lungo da trattare.
Resto alle parole di Rocard per ribadire che in un momento di scollamento tra ceto politico e pubblica opinione occorrerebbe grande capacità di ascolto e comprensione. Il pauperismo non è un contenuto, ma una prassi più o meno fasulla, eppure ha consentito, ad esempio, a grillini e Bergoglio di costruire rapidamente un movimento e una nuova immagine. L’uso del pauperismo come “bollino” di qualità di un ceto politico nuovo, consente di fare a meno di programmi realistici.
Purtroppo, nella sinistra mondiale non solo non si fanno sforzi per rispondere, almeno con comportamenti “esemplari”, ad una pubblica opinione disorientata alla ricerca di superficiali punti di appoggio, ma in molti casi non si dispone nemmeno di idee realistiche da proporre, concentrandosi soltanto sulla polemica distruttiva interna, immemori dei danni che in passato questa pratica ha provocato.
Sarebbe il caso di pensarci un po’ prima di fare altri passi falsi.

CUPERLO NON RISPONDE A STAINO

Cuperlo non risponde a quasi nulla: la “questione De Bortoli” non è presa nemmeno in esame, eppure si tratta di un fatto concreto, un esempio dei rapporti interni al PD. Una persona che ha offeso (non criticato) il segretario del partito come può essere proposta al partito stesso.
La replica di Cuperlo con risponde nemmeno alla questione politica centrale posta da Staino: valutazione della forza di Grillo e Salvini e delle sue conseguenze.
Cuperlo, conferma che per il governo del paese vede come orizzonte la riproposizione di costruzione di cartelli elettorali: fare una “patto sociale” e creare “alleanze buone a farlo vincere nelle urne” per questo nella nuova legge elettorale sarebbe stato meglio prevedere la “possibilità di apparentamento al secondo turno”
Cuperlo dimentica che il Partito democratico è nato per essere autonomo, perché l’Ulivo è il PD, per questo nell’atto costitutivo aspira a rappresentare il 40% degli elettori. Le somme dei gruppi di opinione, di lobby, di testimonianza o di partitini personali non sono una politica consigliabile per un governo che deve fare delle scelte radicali. Cuperlo preferisce un governo medi all’infinito con i privilegi delle piccole lobby e produca solo leggine per accontentare tutti?
Il patto sociale di Cuperlo assomiglia molto ai programmi indefiniti di Bersani, alle liste della spesa elettorali, che non prevedono vere riforme, ma alla fine solo “esborsi” di denaro pubblico per fare stare buoni gli elettori. Non si vede nulla di diverso da questo nel passaggio: “si chiede (al governo) di avere più radicalità e coraggio scegliendo di portare in cima alla lista un pacchetto di misure sulla cittadinanza, una forma di reddito minimo e contrasto universale alla povertà a cominciare da quella minorile, una legge non bislacca sulle unioni civili, una nuova strategia per il Mezzogiorno, a meno di pensare che i ricercatori dello Svimez siano assoldati al nemico. E fare dei diritti indivisibili – umani civili sociali – la leva formidabile di una nuova pagina dello sviluppo e del Paese.”
Su questi problemi Cuperlo è sicuro che il governo del suo partito non ha proposte o azioni in corso?
Poi ci sono le critiche alle riforme: quelle che se “fatte dai nostri avversari avremmo definito strappi irricevibili”. L’onorevole Cuperlo dovrebbe spiegare come farebbe una riforma dei contratti di lavoro, l’assunzione e valutazione degli insegnati e la riorganizzazione della pubblica amministrazione con il consenso degli interessati. L’onorevole Cuperlo dovrebbe uscire dalla logica della concertazione ad oltranza, perché l’agenda dei problemi di questo paese è li da 40 anni e destra e sinistra per motivi diversi, ma anche per paura di scontentare le lobby di riferimento, non hanno mai fatto scelte (buone o cattive).
Consiglierei il PD, tutto il PD, di non fare un congresso permanente, ma di chiudersi (senza diretta) in una sorta di nuova “Gargonza” e sviscerare le questioni in sospeso. Dire che l’articolo 18 è stato “sotterrato” è uno slogan, come prendere per buone le ragioni dello sciopero della scuola è ancora uno slogan. La minoranza del PD deve, come chiede razionalmente Staino e come chiedono molti ex PCI, non fare guerriglia, ma costruire una alternativa a Renzi in modo coerente e moderno. Non riproporre il passato significa analizzare i rapporti di forza in questo paese, constatare che la frammentazione degli interessi è talmente forte che il potere esecutivo deve fare delle scelte per affrontare i problemi. Sta alla sinistra italiana essere “egemone” in questo processo. Tornare alla concertazione, che chiamerei spartizione delle risorse pubbliche per conservare il consenso, è soltanto il non scegliere, il rinviare, e segnerebbe il definitivo declino di questo paese.
Alcuni del vecchio PCI non sono diventati di destra, non sono affetti da una mutazione genetica, ma vedono nel PD di Renzi l’avvio (sottolineo l’avvio) di un cambiamento nell’azione di uno Stato che non governava più da tempo e si limitava a gestire malissimo l’esistente.
Staino come altri non ha perso l’anima, ma ricorda semplicemente il nostro passato, che resta quello della Resistenza e della Costituzione del 1948, ma in modo vivo, non contemplativo. Siamo stati tutti allevati nel culto di quella “Bibbia laica”, ma certo non come strumento che maschera privilegi per diritti.
Cuperlo, quando parla della riforma della costituzione sembra dimenticare che i contrappesi costituzionali non sono toccati e se ci sono pericoli per la nomina degli organi di garanzia questi sono già attivi. La minoranza PD indichi in quel punto il problema, ma non nell’elezione diretta dei senatori che non ha mai garantito nulla.
Cuperlo esca anche dalla superficialità dell’indicazione degli aspetti negativi ed esalti la necessità delle altri parti della riforma costituzionale, come definizione delle competenze tra Stato e Regioni e l’abolizione delle Province.
Purtroppo, la risposta di Cuperlo non mi tranquillizza sulla volontà di questo gruppo di lavorare per il sostegno al partito e al suo governo. Penso che se il Governo Renzi non otterrà risultati incontrovertibili nell’occupazione e nella rispesa produttiva la scissione è vicina, con tutte le conseguenze che Staino prevede: il successi di Grillo o Salvini.

LA CRISI DEL PARTITO DEMOCRATO

Inutile girarci intorno, il PD ha una serie di problemi che stanno indebolendo il suo consenso nel paese.
I risultati in ‪#‎Liguria‬ , quelli a ‪#‎Venezia‬ e nei comuni toscani non possono essere derubricati a casi soltanto locali.
In ognuna di queste realtà esistevano problemi gravi e il PD si è presentato nelle sua varie sfaccettature e ha perso.
Consegnare la vittoria a chi ha mandato alla malora i comuni di Viareggio o è responsabile degli scandali in Veneto non sembra una risposta razionale dell’elettorato, eppure, se non si vogliono usare stupidi sistemi di analisi “grillina”, si deve prendere in esame tutte le variabile che possono aver provocato le sconfitte di ‪#‎Paita‬ e ‪#‎Casson‬.
Per me un fattore importante da prendere in esame è la costante polemica interna tesa alla delegittimazione dell’azione del governo e della maggioranza che è uscita vincitrice dal congresso.
Non significa che sono necessarie delle espulsioni o delle rese dei conti, ma almeno un chiarimento profondo su cosa significa stare in una comunità politica che esiste per proporre al paese soluzioni ai problemi.
Certo, se il PD propagandasse soluzioni destinate alla “circonvenzione di incapace di massa”, come ‪#‎Grillo‬, ‪#‎Vendola‬, ‪#‎Civati‬ e ‪#‎Salvini‬, sarebbe tutto più semplice, ma questa non è la politica che vogliamo.
I vari Bersani, ma anche i critici a prescindere, quelli che in questi mesi parlano di diritti e mai di doveri, di un “regime renziano” e che non hanno avvertito il problema della destra razzista di Salvini o demagogica di Grillo, hanno ad
esso intenzione di modificare lo “stile” dell’opposizione alla segreteria ‪#‎Renzi‬?
Non sarebbe legittimo chiedere a queste persone di cambiare idea, ma sarebbe consigliabile indicagli modi e termini diversi nel dibattito politico.
Il segretario del PD ha il dovere di ascoltare tutti e di fare la sintesi, ma le proposte alternative devono essere tali, devono contenere soluzioni, non difendere l’indifendibile esistente.
Il governo ha buone possibilità di durare, la possibile uscita della Grecia dall’euro avrà come conseguenza la crisi degli esperimenti a sinistra del ‪#‎PD‬, mentre il fenomeno dell’immigrazione alimenterà la paura razzista. Poi cosa accadrà? Quando il paese sarà chiamato alle urne per rinnovare il parlamento i critici a prescindere hanno valutato i possibili scenari, con o senza l’Italicum? A me sembra proprio di no.suicidio della sinistraL’opinione pubblica di sinistra non deve porsi sempre la banale domanda “chi votare”, ma quale paese si immagina nei prossimi 5 anni, cioè il vecchio leninista “che fare”; perché deve smettere di rimpiangere e impegnarsi invece a cambiare
e risolvere. Potrebbe non essere comunque sufficiente, perché la pubblica opinione di sinistra è comunque minoritaria, ma, come ho scritto altre volte, spero vivamente non si comporti da suicida.